Cervello e bugie, meglio non abusare dei comportamenti disonesti

Cervello e bugie: esiste una correlazione molto importante tra il cervello e le bugie che possiamo essere portati a raccontare ogni giorno per tutelarci o per evitare qualcosa che non ci va di fare. Infatti, se è vero che le bugie hanno le gambe corte, è anche vero che l’abitudine a dire bugie potrebbe fare molto di più che un semplice naso allungato, come nella metafora raccontata per la storia di Pinocchio.

cervello-e-bugieSecondo recenti ricerche scientifiche, è del tutto possibile che, se ci si abitua a dire bugie, diventi difficile, alla lunga, evitare quello che a tutti gli effetti è uno schema mentale molto dannoso: la ricerca pubblicata in questi ultimi giorni sulla rivista Nature ci dice, infatti, che quando si inizia a raccontare una bugia si corre il rischio che, da una prima innocente omissione, si tenda piano piano ad abituarsi ai comportamenti sbagliati, in quanto il cervello si abitua all’emozione negativa provata mentre si dice la bugia, e non fa più caso alle varie emozioni che possono sopraggiungere.

Da questo studio si capisce, quindi, molto bene che dire una bugia è davvero pericoloso: bisogna, pertanto, cercare di non cadere nella trappola della bugia facile, e cercare di dire sempre la verità, per il nostro bene ma anche per quello altrui.

Reply