Quanto durano le cartucce della stampante?

Vi siete mai domandati quanto durano le cartucce della stampante? E come mai, magari, la cartuccia che avete appena acquistato su www.cartucce.com sia durata molto di più delle precedenti?

Ebbene, una risposta congrua è certamente possibile darla, pur con qualche precisazione. Innanzitutto, occorre tenere sempre a mente che la capacità di stampa di una cartuccia non dovrebbe misurarsi in “durata” (ovvero, in giorni, settimane o mesi!) bensì in capacità di copertura di stampa.

La cartuccia – così come altro materiale consumabile – non può infatti avere una durata predeterminata o stimata nel tempo, bensì una capacità di poter stampare un quantitativo auspicato di fogli, in base all’inchiostro che contengono le foto o i testi stampanti, e in base al tipo di stampa che viene effettuato (ad esempio, con minore o maggiore qualità).

Perché le prime cartucce durano di meno

Chiarito quanto sopra, c’è sicuramente qualche altro concetto utile che sarebbe opportuno possiate conoscere e apprezzare. In primo luogo, le seconde cartucce durano mediamente delle prime, ovvero di quelle che sono pre-installate all’interno delle stampanti. Ma perché?

In realtà, non c’è alcun mistero. Le stampanti vengono infatti generalmente vendute con uno starter kit, ovvero con una cartuccia iniziale in dotazione che raramente è equiparata a una cartuccia vera e propria, essendo generalmente caricata con una quota marginale dello standard. In questo modo, le case produttrici vi regalano un po’ di inchiostro per poter iniziare subito a stampare, senza però determinare eccessivi rincari nella stampante.

La copertura di stampa

Ma che cosa significa copertura di stampa? Come abbiamo già avuto modo di evidenziare, moltissimi utenti commettono ancora oggi l’errore di valutare la durata della cartuccia in base al tempo, piuttosto che sul parametro corretto, che è rappresentato dalla copertura di stampa.

La copertura di stampa è, in tal senso, nient’altro che la capacità di un toner o di una cartuccia di stampante di produrre un certo numero di pagine, a condizione – naturalmente – che queste abbiano tutte una pari copertura. Appare evidente che una pagina che contiene poche righe di testo richiederà un minore quantitativo di importo rispetto a una pagina a piena stampa fotografica!

Ora, al fine di valutare più compiutamente quanto in oggetto, tenete conto che i produttori vendono le proprie cartucce dichiarando il numero di fogli stampabili con una percentuale di copertura determinata, come ad esempio il 5% (che, più o meno, rappresenta una copertura ottenibile stampando 22 righe con la lettera E maiuscola con il carattere Times New Roman 10 pt, doppio spazio e doppia interlinea, ed è dunque una sorta di equivalenza per i testi “normali”).

Se dunque volete rendervi conto se una cartuccia dura realmente di più o di meno delle altre, valutate innanzitutto cosa dichiarano in termini di copertura e, secondariamente, cercate di rendervi conto di quale sia il vostro reale utilizzo. Un paragone che non sarà mai semplice – valutato che ogni stampa si differenzierà da quelle precedenti e da quelle successive – ma che potrebbe essere utile cercare di effettuare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *