Svezzamento non tradizionale: ecco in che modo va eseguito

Svezzamento non tradizionale: senza pappe e frullatore, ma con alimenti sminuzzati e a tavola con mamma e papà. Ecco le nuove regole dell’alimentazione corretta per il bebè: non solo sana, ma anche educativa

Svezzamento non tradizionaleLo svezzamento non tradizionale sembra essere il corretto e adeguato metodo per insegnare ai nostri bambini ad alimentarsi in maniera serena anche dal punto di vista psicologico, e senza rischi. È quanto emerge dalle recenti ricerche scientifiche ma soprattutto dai consigli che sono stati, da poco, evidenziati da parte dell’Associazione Culturale Pediatri che, nel fare il punto della situazione, ha snocciolato i suoi suggerimenti in merito.

Al giorno d’oggi, lo svezzamento non tradizionale appare essere come il giusto e adeguato metodo non solo per insegnare ai nostri bambini una alimentazione sana e corretta, ma anche per avere un peso dal punto di vista psicologico e sociale. Non a caso, i pediatri che abbracciano questa ideologia sono convinti che mamme e papà potranno trovare dei benefici molto interessanti facendo uso di questa alimentazione complementare, che significa valorizzare la dieta di tutti e fare in modo che il bebè velocizzi anche il suo sviluppo psicomotorio. Va da sé che il latte deve essere l’alimento principale per i primi 12 mesi di vita del bebè.

Reply