Tecnologia, le nuove frontiere della sessualità e del tradimento

Non si può rimanere insensibili, c’è un ponte verso il futuro.

Le nuove tecnologie ci portano lontano. Ci danno una prospettiva nuova di quel che sarà.

Solo pochi lustri or sono non potevamo immaginare quali prodigi la scienza e la tecnica ci avrebbero fatto assaporare. A pensare, ad esempio, alle macchine per la realtà virtuale possiamo dire che si sono fatti passi da gigante. Al confronto con qualche anno fa le nuove macchine per la realtà aumentata o virtuale sono dei prodigi. E in più trovano applicazioni anche nel quotidiano.

Le case produttrici di videogiochi sono in grado di sfornare delle novità costanti e sempre più reali. Anche l’industria del porno si sta muovendo a rapidi passi verso questo mondo, sfruttando le pieghe delle fantasie delle persone che, trovando una realtà virtuale così “vera”, possono ardire a cose che non avrebbero mai avuto il coraggio di chiedere al proprio o propria partner.

Però c’è sempre il rovescio della medaglia: l’isolamento. È vero che i nuovi giochi pornografici in cui si può interagire ci liberano dalle inibizioni, ma è anche vero che ci pongono in un cerchio dal quale è difficile uscire. Certo, sarebbe molto meglio una relazione, anche fugace, con una persona con cui non c’è la necessità di vedersi il giorno dopo.

Una escort, ad esempio. Grazie ai tanti siti in rete vi è l’imbarazzo della scelta. A Milano, per fare un esempio, arcaton.com, che offre un ventaglio di annunci fotografici per ogni tipo di esigenza: escort o accompagnatrici, donne che ti raggiungono a domicilio o Motel, Girls, ragazze che possono riceverti in appartamenti discreti ed attrezzati, trans che generalmente ricevono, Boys, ragazzi accompagnatori per lei e per lui.

Quello che si può chiedere ad una escort non è detto che lo si chieda alla moglie. Abbiamo sempre quel pudore dato dalla convivenza forzata che ci inibisce. Un esempio? Quanti avrebbero il coraggio di confessare che sono attratti da un’avventura con una escort trans? Difficile che qualcuno confidi con un amico il piacere di un incontro con una trans. In realtà moltissimi uomini hanno appuntamenti con le trans e a vedere gli annunci fotografici sui siti di settore specializzati, come arcaton.com, non si fa fatica a crederci… trans bellissime e per gli amanti del genere dotatissime e disponibilissime.

Ora la domanda: con la realtà virtuale si possono provare esattamente le stesse cose che si provano dal vivo? Quanto può essere emozionante realizzare una propria fantasia con una escort o con una trans virtuali?

Forse tutto questo sviluppo verso la realtà virtuale ci toglie quelle emozioni che sanno nutrire la nostra mente e il nostro fisico.

Noi, per il momento, preferiamo restare ancorati al naturale e gratificante piacere del contatto fisico, che ci permette di provare emozioni vere, dove le sensazioni possono esaltare i nostri cinque sensi, regalandoci un piacere che per il virtuale è ancora lontano.

Reply